Archive for ottobre, 2004

31 ottobre 2004

Pomeriggio solitario, tutto per me. Trascorso a sistemare le viole nei vasi, per colorare il mio autunno e dare un benvenuto all?inverno.

Trascorso a fermare i pensieri sulla carta.

Qualche lacrima qua e là, ma di gioia pensando a momenti appena passati, momenti che hanno riempito il mio cuore di felicità. Momenti che resteranno per sempre con me.

La felicità è in noi, basta saperla ?vedere? e ?toccare?.

Come ieri, quando seduta solitaria sui gradini di una chiesa, in un pomeriggio di fine ottobre, osservavo le persone che passavano davanti a me, tutte di corsa, ognuna con la sua storia da raccontare, ognuna persa dentro se stessa.

Assorbivo la bellezza della giornata, con i raggi del sole a scaldare il mio viso, pensando all?incanto di quel momento.

E ho sentito dentro di me una grande pace, come non mi capitava da tempo.

<!–

–>

Annunci

31 ottobre 2004

E ti vengo a cercare – Franco Battiato

 

E ti vengo a cercare
anche solo per vederti o parlare
perché ho bisogno della tua presenza
per capire meglio la mia essenza.
Questo sentimento popolare
nasce da meccaniche divine
un rapimento mistico e sensuale
mi imprigiona a te.
Dovrei cambiare loggetto dei miei desideri
non accontentarmi di piccole gioie quotidiane
fare come un eremita
che rinuncia a sé.
E ti vengo a cercare
con la scusa di doverti parlare
perché mi piace ciò che pensi e che dici
perché in te vedo le mie radici.
Questo secolo oramai alla fine
saturo di parassiti senza dignità
mi spinge solo ad essere migliore
con più volontà.
Emanciparmi dallincubo delle passioni
cercare lUno al di sopra del Bene e del Male
essere unimmagine divina
di questa realtà.
E ti vengo a cercare
perché sto bene con te
perché ho bisogno della tua presenza































<!–

–>

29 ottobre 2004

F orte

E mozione

L? amore

I insieme al

uore

I ncontra

T enerezza e

A? ffetto

<!–

–>

28 ottobre 2004

Io sono io.
Le mie passioni, i miei colori, le mie idee, i miei pensieri.
Tutto quello che mi appartiene è dentro di me.
Ed è tutto ciò che sono.





<!–

–>

28 ottobre 2004

SOGNO

 

Uno sguardo dolcissimo e profondo.

Una sensazione di intensa emozione.

Una carezza languida sfiora delicatamente il mio viso.

Mi abbandono tra le tue braccia.

Un abbraccio caldo e avvolgente.

Dolce sapore di te.

<!–

–>

27 ottobre 2004

GLI OCCHI. SPECCHIO DELLA NOSTRA ANIMA.

<!–

–>

26 ottobre 2004

C?era una volta una donna che viveva solitaria in un castello, sulla cima di una montagna.

Stava lì, silenziosa presenza, a prendersi cura del suo giardino.

Vi coltivava fiori bellissimi e colorati.

Era molto orgogliosa di quei fiori, erano la sua fonte di vita. Non permetteva a nessuno di avvicinarsi, poteva anche diventare assolutamente maleducata se qualcuno osava sfiorare il frutto della sua cura.

Le persone che vivevano intorno pensavano fosse antipatica e arrogante e la evitavano.

Lei non se ne curava e lasciava che continuassero a pensarlo. In realtà quella donna soffriva in cuor suo per questa sua totale incapacità di comunicare e farsi capire. Diventò triste, ma, alla fine, smise di darsi pena e lasciò che gli altri pensassero di lei che fosse arida e fredda?

<!–

–>

26 ottobre 2004

Nel mondo esiste sempre qualcuno che attende qualcun altro, che ci si trovi in un deserto o in una grande città. E quando questi due esseri si incontrano, e i loro sguardi si incrociano, tutto il passato e tutto il futuro non hanno più alcuna importanza. Esistono solo quel momento e quella straordinaria certezza che tutte le cose sotto il sole sono state scritte dalla stessa mano:

la mano che risveglia l?AMORE e che ha creato un?anima gemella per chiunque lavori, si riposi e cerchi i propri tesori sotto il sole.

Perché, se tutto ciò non esistesse, non avrebbero più alcun senso i sogni dell?umanità.

L?alchimista ? Paulo Coelho

<!–

–>

23 ottobre 2004

Amore,

due esseri

due anime

due spiriti

due cuori

?che sentono di essere una cosa sola.

<!–

–>

23 ottobre 2004

Lamore più forte è quello capace di mostrare la propria fragilità.

Undici minuti – Paulo Coelho

<!–

–>