Archive for marzo, 2005

31 marzo 2005

Notte.

Il silenzio mi avvolge nel suo abbraccio rassicurante.

Nessun rumore. Solo il mio respiro e il mio cuore che batte.

I miei pensieri danzano sulle note di una dolce malinconia che accarezza e sussurra e lasciano negli occhi una scia di tracce colorate, simili a stelle cadenti.

Io le inseguo, le stringo, le tengo strette a me, le custodisco nella mia anima.

Intenso ricordo di momenti felici.

<!–

–>

Annunci

30 marzo 2005

Qualche giorno fa, ho ritrovato, per caso, in una cassa alcuni libri che leggevo da bambina. Il più consumato è “Il corsaro nero” che ricordo essere stato il mio preferito. Leggere è sempre stata la mia grande passione, così come lo scrivere. Ricordo che ero capace di isolarmi per ore, in un angolo della mia cameretta. Un angolo che era un rifugio, il mio rifugio segreto: una nicchia in una parete, accanto alla porta finestra che si affacciava sul giardino. Appena potevo mi nascondevo lì, portando con me il libro di turno; ricordo con grande nostalgia quei momenti, per me preziosi; mi rivedo lì, in quella nicchia; immersa nella lettura e isolata dal resto del mondo, a sognare. Sognavo ad occhi aperti mondi incantati, lontani e avevo la sensazione di “vivere dentro” le storie, di sentire le  emozioni. Quanti  ricordi! L’ho accarezzato quel libro e anche annusato; per sentire di nuovo profumi e colori mai dimenticati, vivi nel cuore nonostante il tempo. Ho chiuso gli occhi e a un tratto mi è parso di risentire la voce di mia madre (lei non approvava questa mia “passione”) che mi richiamava alla realtà. Un libro è vita che pulsa. Un libro è come una tela su cui dipingere usando i colori della fantasia. Non potrei mai vivere senza leggere. Quella  nicchia oggi non esiste più (la casa in cui abitavo da bambina è stata completamente ristrutturata ) ma nel mio cuore la passione per i libri è rimasta immutata. Continuo a leggere, in un angolo del salotto di casa; niente di particolare: una comoda poltrona, un tavolino su cui sono posati i libri che amo di più e le mie candele profumate di vaniglia…oggi come allora.

<!–

–>

28 marzo 2005

I tuoi colori sono la luce della tua anima.

Un’anima dolce e sensibile che vibra e trasmette armonia.

Le tue parole sono musica. Uno spartito musicale, pieno di sfumature delicate come ali di farfalla e ricche di toni intensi. Una sinfonia che suscita gioia e tante emozioni. Io sono in ascolto. Sicura che sai ascoltare anche tu, con calma e pazienza. Grazie, di cuore !

(dedicato)

<!–

–>

26 marzo 2005

A tutti Voi i miei auguri più belli
per una Pasqua serena,
colorata e piena di gioia.

Blue

<!–

–>

25 marzo 2005

sentirsi vicini pur essendo lontani

il cuore ci unisce attraverso una sintonia che supera ogni barriera…

<!–

–>

23 marzo 2005

Lacrime…gocce di emozione che salgono dal cuore e si trasformano in cristalli di luce.
Lacrime…
preziose e silenti compagne di tanti momenti di solitudine, di dolore, di gioia, di felicità, di rabbia.
Lacrime…petali leggeri che accarezzano l’anima…

<!–

–>

22 marzo 2005

Senza nessuna ragione qualcosa si rompe in me
  e mi chiude la gola
senza nessuna ragione sobbalzo ad un tratto
  lasciando a mezzo lo scritto
senza nessuna ragione nella hall di un albergo
  sogno in piedi
senza nessuna ragione lalbero del marciapiede
  mi batte in fronte

senza nessuna ragione un lupo urla alla luna
  iroso infelice affamato
senza nessuna ragione le stelle scendono a dondolarsi
  sullaltalena del giardino
senza nessuna ragione vedo come sarò nella tomba
senza nessuna ragione nebbia e sole nella mia testa
senza nessuna ragione mi attacco al giorno che inizia
  come se non dovesse finire mai più
e ogni volta
sei tu
  che sali dalle acque.

Nazim Hikmet

<!–

–>

21 marzo 2005

Seduta sopra un sasso in riva al lago, l’acqua che sfiora i piedi…i miei occhi abbracciano con lo sguardo la conca di acqua racchiusa tra le montagne…i raggi del sole disegnano sull’acqua increspata riflessi di luce che accompagnano le folaghe e i germani nel loro danzare…l’aria  leggera e frizzante accarezza il mio viso…con gli occhi chiusi respiro il profumo della primavera…attimi di felicità e di gioia intensa, quasi struggente…sento il calore del sole sulla pelle e mi perdo in pensieri colorati…

<!–

–>

19 marzo 2005

vorrei una coperta di stelle
per addormentarmi
sognando i tuoi colori

<!–

–>

18 marzo 2005

io ed i miei occhi scuri siamo diventati grandi
insieme
con lanima smaniosa a chiedere di un posto che
non cè
tra mille mattini freschi di biciclette
mille più tramonti dietro i fili del tram
ed una fame di sorrisi e braccia intorno a me
io e i miei cassetti di ricordi e di indirizzi che ho
perduto
ho visto visi e voci di chi ho amato prima o poi
andar via
e ho respirato un mare sconosciuto nelle ore
larghe e vuote di unestate di città
accanto alla mia ombra nuda di malinconia
io e le mie tante sere chiuse come chiudere un
ombrello
col viso sopra al petto a leggermi i dolori ed i miei
guai
ho camminato quelle vie che curvano seguendo il
vento
e dentro a un senso di inutilità…
e fragile e violento mi son detto tu vedrai vedrai
vedrai
strada facendo vedrai
che non sei più da solo
strada facendo troverai
un gancio in mezzo al cielo
e sentirai la strada far battere il tuo cuore
vedrai più amore, vedrai
io troppo piccolo tra tutta questa gente che cè al
mondo
io che ho sognato sopra un treno che non è partito
mai
e ho corso in mezzo ai prati bianchi di luna
per strappare ancora un giorno alla mia ingenuità
e giovane e violento mi son detto tu vedrai vedrai
vedrai
strada facendo vedrai
che non sei più da solo
strada facendo troverai
anche tu un gancio in mezzo al cielo
e sentirai la strada far battere il tuo cuore
vedrai più amore vedrai
e una canzone neanche questa potrà mai cambiar
la vita
ma che cosè che ci fa andare avanti e dire che
non è finita
cosè che ci spezza il cuore tra canzoni e amore
che ci fa cantare e amare sempre più
perché domani sia migliore, perché domani tu
strada facendo vedrai

Strada facendo – Claudio Baglioni

<!–

–>