Archive for giugno, 2005

30 giugno 2005

Lago di Scanno (LAquila) – Parco Nazionale dAbruzzo

“Lui le insegnò ad avere fiducia di sé e del mondo, lei, che al mondo non c’è tesoro più prezioso delle perle nascoste negli occhi di una giovane donna in amore”.

da "La Presentosa" di Gabriele Ciutti

Ci sono libri che sembrano essere nati solo per essere letti con il cuore. Questo è uno di quei libri. Un libro che racconta una fiaba, una fiaba che è il sogno damore chiuso dentro il cuore di ognuno di noi. Una fiaba scritta come se fosse una poesia. È una storia della terra d’Abruzzo, di Scanno e del suo lago, una storia semplice e “antica”. La storia di un viaggio e di molte emozioni. Una fiaba di lupi, serpenti, libri antichi e preziosi, mestieri dimenticati, gioielli, incantesimi, ma soprattutto amore. Un amore fatto di cose semplici, un amore che ha i colori e i profumi della terra. La storia di Francesco e Celerina. La storia del grande amore che tutti cerchiamo nella vita, ma che pochi hanno conosciuto. Una storia che è anche amore per la terra, per le tradizioni, narrata in modo indelebile, entra nel cuore di chi prova rispetto per ciò che la Vita offre ma che spesso ci si dimentica di conservare in noi. Una storia dedicata a chi vive le emozioni con il cuore.

Questo libro è arrivato a me in un momento molto particolare; un momento in cui molti ricordi di un passato che pensavo dimenticato si affacciano alla memoria e premono per uscire; l’ho letto come se fossi tornata bambina e ascoltassi una storia già vissuta; una storia che lascia negli occhi una traccia di luce. Una traccia che resta per sempre scolpita nell’anima.

Grazie, per questa fiaba, amico poeta. Resterà con me sempre.

<!–

–>

28 giugno 2005

R. Dufy – The Harvest

Anima mia sussurra al vento dolci parole, fa che dissolva le nubi nere che impediscono ai miei occhi di vedere la luce: tienimi per mano e guida il mio corpo stanco in un luogo dove io possa trovare la pace.
Anima mia contempla con me limmensità del cielo stellato e riempi il mio cuore damore cullandomi tra le braccia della luna. Voglio essere libera come una farfalla, libera di volare nel cielo infinito inseguendo il calore del sole.
Anima mia, stringi a te il mio cuore e custodisci i miei sogni, come limpida rugiada che nutre la debole fiamma della felicità.

(agosto 2004)

<!–

–>

27 giugno 2005

Ti amo come se mangiassi il pane spruzzandolo di sale
come se alzandomi la notte bruciante di febbre
    bevessi lacqua con le labbra sul rubinetto
ti amo come guardo il pesante sacco della posta
    non so che cosa contenga e da chi
    pieno di gioia pieno di sospetto agitato
ti amo come se sorvolassi il mare per la prima volta in aereo
ti amo come qualche cosa che si muove in me
   quando il crepuscolo scende su Istanbul poco a poco
ti amo come se dicessi Dio sia lodato son vivo.

Nazim Hikmet

<!–

–>

25 giugno 2005

 

A volte basta poco. Una poesia, una parola sussurrata, il suono dolce di una risata, un pensiero condiviso: sfumature di colore che danno luce al mio silenzio.

colonna sonora: La Collina dei Ciliegi – Lucio Battisti

<!–

–>

24 giugno 2005

Il volume del canto mi innamora:
come vorrei io invadere la terra
con i miei carmi e che tremasse tutta
sotto la poesia della canzone.
     Io semino parole, sono accorta
seminatrice delle magre zolle
     e pur qualcuno si alza ad ascoltarmi,
uno che il canto lha nel cuore chiuso
e che per tratti a me svolge la spola
     della sua gaudente fantasia.

Alda Merini

<!–

–>

22 giugno 2005

Gustav Klimt – Rosiers sous Les Arbres

.

gocce di rugiada

piccole perle sui fili d’erba dei miei pensieri

ti cerco nel mio silenzio

un silenzio che riempie ogni fibra del mio essere

stringo le tue mani e corro nel mio cielo, insieme al tuo cuore

lui saprà ascoltare

.

<!–

–>

20 giugno 2005

Non ci si libera di una cosa evitandola, ma soltanto attraversandola.

Cesare Pavese

<!–

–>

19 giugno 2005

 Marc Chagall – Bouquet De Fleurs

Si è aperto un cassetto della memoria. Così, in modo del tutto inaspettato. Un giorno come un altro.   Ho letto un racconto; un racconto che racchiudeva in sé l’essenza di ricordi felici. Ricordi di un amore antico. Un amore così bello, grande e dolce da lasciare un segno indelebile nell’anima. Così. All’improvviso. I ricordi hanno preso a fluire. Ho chiuso gli occhi ed ho ritrovato i profumi e i colori di giorni ormai lontanissimi da me. Profumi e colori che parlano di terra e di sole, di sogni e desideri. Giorni pieni di intensa dolcezza. Ricordi bellissimi. Con grande stupore scopro che sono ancora vivi in me.

<!–

–>

17 giugno 2005

 Alfred Gockel – Affection

Sei la mia schiavitù sei la mia libertà
    sei la mia carne che brucia
    come la nuda carne delle notti destate
sei la mia patria
   tu, coi riflessi verdi dei tuoi occhi
   tu, alta e vittoriosa
sei la mia nostalgia
di saperti inaccessibile
nel momento stesso
in cui ti afferro.

Nazim Hikmet

<!–

–>

16 giugno 2005


Monet – A Woman Reading

Ecco qui un’altra catena. Questa volta gentilmente offerta da Ariachiara. Ai libri non posso dire no. I libri sono parte di me e della mia vita. Li amo moltissimo, senza libri non sarei io. Quindi cari amici, stasera vi annoierò con le mie elucubrazioni mentali sui diletti libri, mia gioia grande.

1) LIBRI CHE POSSIEDO NELLA MIA BIBLIOTECA E GENERE.

Premesso che lo spazio in casa non è moltissimo e nel corso degli anni il numero dei libri è andato aumentando, recentemente si è reso necessario un lavoro di “restauro” alla mia personale biblioteca. Nella fattispecie sette ripiani nuovi, che hanno integrato quelli già esistenti. Non ho mai pensato di contarli, non lo farò mai. So che sono tanti: ognuno di loro racconta una “storia”; una storia che ha lasciato una traccia nel mio cuore; ogni libro racchiude un piccolo universo e non capita mai a caso: è la storia che ci serve in “quel momento” particolare che stiamo vivendo nel cammino che è la nostra Vita. Pensiero opinabile, ma è ciò che sento io, nel profondo, per me è sempre stato così. Arrivare in libreria o in biblioteca e sentire un’energia che ti porta a scegliere una cosa piuttosto che un’altra. Un’energia molto forte, che ti guida e ti “illumina”. Ho divagato, presa una specie di istinto interiore… Dicevo che,  con i nuovi scaffali, ho potuto sistemare i libri in modo ordinato, suddivisi per scrittori. Mi viene più semplice poi trovare quello che cerco nel “marasma” generale. In effetti, conoscendomi,  sono sicura che tra un po’ di tempo dovrò sicuramente ripensare il tutto, alla luce degli acquisti che regolarmente io ritengo indispensabili! Follet,  Asimov, Cornwell,  Grisham, Fallaci, Coelho, Grafton, Patterson, King, Kennedy, Calman, Tartt, Hemingway, Pavese, Gibran, Hesse, Cassola, Pirandello, Eco, Wilde, Catullo, Dante, Hikmet, Dickinson, Ungaretti, Prévert, Pontiggia e altri…e poi i libri di psicologia e di didattica (tanti) preziosi per il mio lavoro.

2) ULTIMO LIBRO COMPRATO: “Il cammino di Santiago” di Paulo Coehlo”.

3) ULTIMO LIBRO LETTO: “La Presentosa” di Gabriele Ciutti

4) LIBRI CHE CONSIGLIO AD ALRI BLOGGERS: in genere non mi piace consigliare libri perché, come già detto sopra, un libro lo devi “sentire” un po’ tuo; lo devi tenere in mano e sentire le vibrazioni che trasmette; o leggendo l’incipit qualcosa scatta dentro di te e comprendi che devi per fora leggerlo; quindi mi limito a dire quali sono i libri che dentro me hanno lasciato una traccia luminosa.

         “I pilastri della terra” di Ken Follet

         “Il vecchio e il mare” di Hemingway

         “Nati due volte” di Giuseppe Pontiggia

         “Poesie d’amore” di Hikmet

         “Amore è una parola” di Claire Calman

Ce ne sarebbero altri, ma questi sono un po’ la sintesi di alcune tappe importanti che ho vissuto.

5) CINQUE BLOGGERS A CUI PASSO IL TESTIMONE: non me la sento proprio; preferisco lasciare ognuno di voi libero di prendere la sua parola. Grazie a tutti per la pazienza di avermi letta fin qui  ….

….notte serena, un bacione!!!

<!–

–>