Archive for luglio, 2009

30 luglio 2009

Ho lo sguardo appannato
e nel trattenere accenti
sovrappongo parole.

Nel fluido scorrere
le mani tremanti
dimenticano il timore
e la pausa
è un fiore rosso da baciare.

È dentro uno specchio
che riconosco il riflesso
di un suono farsi concerto
e posso allargare le braccia

dentro il cuore della luna.


[ immagine Equestrienne – Marc Chagall ]

<!–

–>

27 luglio 2009

[ cinque anni ]

…di colori stemperati nell’ombra di pensieri e parole in movimento..

…di canti, musiche, visioni, immagini…dissetando l’anima nella conoscenza, nella condivisione e nell’ascolto..

…di letture dense di bagliori  che hanno acceso e accendono, in profondità, piccoli fuochi…e sedimentano lentamente (ri)lasciando sapori da trattenere…

un po’ come quando sorseggi un buon vino e ne senti, a lungo, sulla lingua l’aroma intenso, per il gusto profondo che provi

un abbracio grato, per questi cinque anni di righe blue

<!–

–>

25 luglio 2009

…e saranno passi altri quelli che ora accompagneranno il mio annusare il cielo all’alba…passi vuoti di un’assenza improvvisa, quanto imprevista…
Non più una nuvola bianca che mi tiene al guinzaglio, gironzolando qua e là per la via, in cerca di nuovi odori e gatti da stanare, lasciando tracce del suo passaggio…non più gelide albe invernali da respirare e cieli gonfi di pioggia da sfidare…neve in cui affondare zampe e piedi all’unisono…gemme primaverili da scoprire e mattine estive, da cucire nei fiori e nell’aroma dell’erba appena falciata..non più il calore di due occhi disarmanti che sembrano sorridere e allontanano la fatica del quotidiano…
Due anni di gioie, infinite quanto inimmaginabili…ché non solo gli umani sanno darti amore senza chiedere nulla in cambio…
…ciao nuvola bianca, la tua impronta rimarrà sempre con noi…

[ immagine Christian Coigny ]

<!–

–>

21 luglio 2009

righe corte
e grani di parole non compiute
proteggono l’impronta di un bacio caldo
sciolto nella conchiglia di un cielo cremisi

[tra scaglie di vento e gocce di rugiada]

[ immagine Evening star No VI – Georgia OKeeffe ]

<!–

–>

18 luglio 2009

[ passi ]

Il silenzio bianco dell’acciottolato
mi batte furiosamente sulla lingua.

Mi veste dell’odore di passi
consumati all’ombra
di corse strappate alle ore.

Mi pervade del lamento di fatiche
nascoste dentro sguardi inquieti.

Mi scuote nelle grida festose
di bambini che giocano
lanciando sassi,
sul disegno scolpito con il gesso.

Si scioglie sulle labbra
con l’incedere nudo del tempo.

Trasuda
dai solchi di memorie
tracciate con l’aratro dell’Anima.

Scritta per Anime in immagini…(spesso capita che voglia trascrivere anche qui ciò che ho scritto da altre parti…)

[ immagine Massenzio ]

<!–

–>

15 luglio 2009

Il fanciullo incantato, uscito per il mondo, fu colpito da innumerevoli stupori. D’istinto, neppur lui sapeva come, li traduceva in oggetti.
Così in una stoffa possedette la tinta d’un albero a primavera, indicibile; in una scheggia di vetro, un riso d’occhi infantili…
E le sensazioni più sottili i brividi più rari distillò in essenze, sigillò in fiale: l’incertezza d’un’ora su una piazza all’accendersi dei primi lumi; il sentore del vicino inverno; in un’estate cittadina il passare d’una donna scollata…
Incontentabile, anche all’anima segreta volle dare forma. Finchè un giorno, come altri un cardellino, imbalsamò il suo ricordo più lontano e tremante.
Tratti dalla fama, dai più remoti paesi venivano gli uomini a scaldarsi il cuore a quella bellezza. Ma il bambino incantato morì di freddo in mezzo alle sue cose belle.

Camillo Sbarbaro, da Scampoli I ( L’opera in versi e in prosa – Garzanti, Gli Elefanti )

[immagine Marc Chagall]

<!–

–>

13 luglio 2009

Vorrei poter continuare ad essere libera di esprimere le mie opinioni, sempre e senza restrizione alcuna.

Qui se volete sapere di più.

Segnalo inoltre questo post dellamica Harmonia, che ringrazio infinitamente.

<!–

–>

10 luglio 2009


L’étranger  [Lo straniero]

“Dimmi, chi ami di più, tu, uomo enigmatico? Tuo padre, tua madre, tua sorella oppure tuo fratello?”
“Non ho padre, né madre, né sorella o fratello.”
“I tuoi amici?”
“Ti servi di una parola il cui senso mi è rimasto fino a questo momento sconosciuto.”
“La tua patria?”
“Ignoro sotto quale latitudine essa sia situata.”
“La bellezza?”
“L’amerei volentieri,dea e immortale.”
“L’oro?”
“Lo odio, come tu odi Dio.”
“Eh! che ami tu dunque, straordinario straniero?”
“Amo le nuvole…le nuvole che passano…laggiù…laggiù…le nuvole meravigliose!!

Charles Baudelaire – Lo splenn di Parigi (Universale Economica Feltrinelli)

<!–

–>

8 luglio 2009

[ il tempo si è fermato ]

E’ il titolo dell’immagine che ho scelto per un laboratorio di scrittura in versi a quattro mani.
DiVersi, in un commento al post precedente, mi ha proposto di scegliere un’immagine e vedere cosa ne avremmo scritto di diverso…la scelta è caduta su questa splendida foto di Arsomnia (che ringrazio infinitamente) perché fortemente evocativa. Amo molto i ruderi, le case abbandonate, i sassi che mostrano la storia; quando capita di vederne, mi soffermo ad osservare e mi piace pensare a ciò che racchiudono…ai segreti nascosti di una vita passata.

Ecco dunque il laboratorio delle parole diverse.


attrae lo sguardo
l’odore delle pietre
fiere custodi
di passati giorni
tra polvere ed echeggianti silenzi

suoni di sepolte vite
si muovono tra le fessure
corrose dal tempo
sussurrano
– da lontano –
l’incedere di passi
nel mosso di orme
intrecciate dal vento

Blue

E vorrei chiedere a te, in urlo del suo nome
se saranno ancora chiodi a fissare memorie
su muri diroccati da immutata storia

Vorrei chiedere a te se su quel ferro
furono braccia e calli a scolpire i respiri
anime forti, colpi tenaci a brandire il martello

Nulla sappiamo né potremo dire
di chi nacque, se nacque o morituro giacque
se per disprezzo o per fame gli voltò le spalle

Eppure, se volgi lo sguardo all’orizzonte
tra le persiane rotte e i vetri infranti
vedi il ruscello che bagna ancora valle

Lo seguiremo e troveremo orme

DiVersi

<!–

–>

3 luglio 2009

le mie dita – bagnate di rosso
a percorrere – sulle tue labbra –
il margine pieno
di una distanza
che brucia la pelle


[immagine Georgia oKeeffe]  

<!–

–>