Archive for luglio, 2011

29 luglio 2011

[ disordinata(mente) ]


ciliegie e pane di grano:
gocce di latte sciolte nel rosso

bagnate sono le labbra della luna
ai miei occhi in cerca di volti:
ho pensieri sterili [ aggrovigliati ]
nelle dita di una mano

strappi da cucire [ ferite aperte ]
all’altro capo del fare:
           fiori di neve – sulle ciglia finte dell’estate            

[ immagine francesca woodman ]

<!–

–>

Annunci

27 luglio 2011

[ sette ]

Sette anni.
Sembrano tanti ma sembra ieri.
Sette anni di parole e non solo.
Sette anni di tempo sospeso e di tempo rubato.
Sette anni di tempo da vivere in silenziosa e appagante lettura.
Sette anni di colore e musica, ma anche di musi lunghi e lune storte.
Sette anni di gioia e sorrisi.
Sette anni di incontri.
Sette anni di me, seduta ad ascoltare, ascoltarsi, imparando ad imparare.
Imparare di me e degli altri.
Sette anni di amici veri o presunti tali.
Molti sono ancora qui, alcuni non sono più con noi fisicamente  – la loro essenza è sempre viva – ,altri hanno chiuso, altri ancora non scrivono più da tempo…senza dimenticare le presenze silenziose che sento vibrare…
Ognuno ha lasciato, lascia quotidianamente, qualcosa di sè che mi arricchisce profondamente.

Le pagine dei blog si fanno sempre più silenziose, ma è nel blog che io trovo la mia dimensione e spero tanto di poter ancora trovare in me curiosità e desiderio di condividere.

Grazie a Voi che avete fatto bellebelle le ore, i giorni, le settimane, i mesi, gli anni…

….grazie per ogni parola, per ogni sorriso, per ogni abbraccio che avete avuto la pazienza di lasciarmi qui…grazie, sempre.

Affettuosamente Vi abbraccio

Blue

<!–

–>

23 luglio 2011

[ pass (agg) i ]

 

toccarsi – sul confine nudo delle parole
lente spirali d’assenza – riempiono righe vuote
di una pagina da abitare – nelle parentesi del dire

[ immagine Lee Miller ]

<!–

–>

18 luglio 2011

FOTOGRAFIA DELLA FOLLA

Nella foto della folla
la mia testa è la quarta dal bordo,
o forse la settima da sinistra
o la ventesima dal basso;

la mia testa non so quale,
non più una, non più unica,
già simile alle simili,
né femminile, né maschile;

i segni che lei mi manda
non sono affatto particolari;

forse lo Spirito del Tempo
la vede, però non la guarda;

la mia testa statistica,
che consuma acciaio e cavi
tranquillamente, globalmente;

è qualunque e non si vergogna,
è scambiabile, e non si dispera;

è come se non l'avessi affatto
a parte, a modo mio;

è come se si scavasse un cimitero
pieno di crani anonimi
di buona conservabilità
nonostante la mortalità;
come se lei fosse già là,
la mia testa d'altri, di chiunque –

dove, se qualcosa ricorda,
è il suo avvenire profondo.

Wislawa Szymborska

[ immagine Francesca Woodman ]

<!–

–>

15 luglio 2011

[ chiar di luna ]
 

...aspettando la piena insieme al respiro del vento….

[ immagine dal web ]

<!–

–>

11 luglio 2011

Piena di vuoto

E' un conato di qualcosa
che non sarà riempito.
Un crampo all'intestino quando
è vuoto. Una nausea recidiva.
Il pensiero si dissolve,
l'immagine non riesce
a farsi. La mano preme
il ventre per tenere
e trattenere il tremito
che è la sola cosa
che ha.  Domani è un altro
giorno, dicono le braccia
(grida il bacino), ma oggi
non finisce proprio mai.

Paola Loreto, La memoria del corpo – Crocetti Editore

[ immagine Lee Miller ]
 

<!–

–>

7 luglio 2011

[…]

[immagine dal web]

<!–

–>